Interpretare a 78 giri, quarta puntata: Emma Carelli e Mario Sammarco.

Quarto appuntamento. La scena, ma alcuni direbbero sceneggiata, fra Tosca e il barone Scarpia registrata da Emma Carelli e Mario Sammarco è un assoluto modello di interpretazione del melodramma verista. Per anni siamo cresciuti, educati al principio che la Carelli cantasse senza tecnica e senza gusto, indulgendo ad effetti plateali. Che la Carelli ed al seguito Sammarco recitino la sceneggiata è in parte vero. Ma lo fanno a ragion veduta e primo luogo la situazione ovvero un lascivo e laido nobilastro, capo della polizia, che vuole Tosca (detto elegantemente), dall’altra donna isterica e bigotta nel contempo, del tutto irrazionale che deve salvare l’amante. E poi lo spartito che su alcune frasi indica “quasi parlato”. Mai il melodramma aveva sino a Tosca conosciuto un simile parossismo. Pensiamo ad altre donne desiderate da un potente, che rifiuta, come Paolina di Poliuto e Dorliska del lavoro rossiniano e la situazione drammatica e vocale è ben diversa .
Diversa perché in Tosca è esplicita la tentata violenza, perché i personaggi non si affidano alle forme chiuse del melodramma ottocentesco nel manifestare i loro sentimenti.
Allora fuori del personaggio coturnato o, comunque, nobile e di alto lignaggio le espressioni forti e spontanee del soprano napoletano sono giuste sotto il profilo interpretativo, consone alla novità contenuta in un noir quale è Tosca, preceduto anche da Fedora dove la Crelli dava il meglio di sè. E aggiungo sono una deliberata scelta interpretativa. La conferma è nell’esecuzione del vissi d’arte della Carelli medesima la quale si ricorda e ci ricorda che le era stato insegnato a cantare, a colorire ed a smorzare quando la situazione drammatica lo imponeva. Possiamo,poi possiamo dissentire dai suoni aperti e parlati della cantante napoletana, ma dobbiamo riconoscere a lei, piuttosto che ad una compassata Emma Eames, la qualifica di interprete, ovvero di essere artista rispettosa, secondo i canoni del tempo e la propria estroversa sensibilità, della poetica dell’ autore supportati da argomenti per loro ovvi e per noi, a distanza di un secolo, oggetto di riflessione. Riflessione, che in parte, smentisce la vulgata.

Immagine anteprima YouTube

Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube

3 pensieri su “Interpretare a 78 giri, quarta puntata: Emma Carelli e Mario Sammarco.

Lascia un commento