IL PIRATA. tradizione esecutiva attraverso i libretti

Una costante delle esecuzioni del titolo belliniano nei primi decenni di diffusione dell’opera è costituita dall’abitudine delle primedonne di sostituire le arie, più spesso quella di sortita, meno quella finale: è il caso, quest’ultimo, di Giuditta Pasta e Marietta Merli, … Continua a leggere

“Hommage an Giuditta Pasta” con Majella Cullagh e Claudia Mahnke, 18/03/12, Liederhalle, Stoccarda

Nell’ambito di un weekend belliniano, il 18 marzo la Staatsoper di Stoccarda ha organizzato un concerto di canto in omaggio all’Arte di Giuditta Pasta. I partecipanti sono stati il soprano Majella Cullagh, il mezzosoprano Claudia Mahnke e la Staatsorchester Stuttgart … Continua a leggere

Mese di agosto I – Opera tragica, prima puntata: Gli Orazi e i Curiazi

Gli Orazi e i Curiazi, che ebbero la loro prima rappresentazione al teatro La Fenice di Venezia il 26 dicembre 1796 devono fama e sopravvivenza forse non solo alla qualità – altissima – della musica, ma all’amore che grandi cantanti … Continua a leggere

Norma di Bellini by Cecilia Bartoli: riflessioni, parte I

I baroccari sferrano l’attacco decisivo al belcanto italiano per il tramite di Cecilia Bartoli, che, dopo la mistificazione operata sulla mitica figura di Maria Malibran, approda alla Norma di Vincenzo Bellini, mistificando, o tentandovi, quella altrettanto mitica di Giuditta Pasta.“Baroccara” … Continua a leggere

Zelmira: in attesa della prima.

E’ la Grecia arcaica dell’isola di Lesbo lo sfondo su cui si muovono i personaggi di “Zelmira”, ultima opera napoletana di Rossini, mentre furono le contese personali e professionali tra Rossini e l’impresario Barbaja a far da sfondo, nella realtà … Continua a leggere

L’arte della primadonna: Romeo Montecchi di Bellini

Son note le ragioni per cui ho dovuto ridurre un antico mio melodramma, intitolato Giulietta e Romeo, non so se più bene o più male, nella forma in cui viene adesso rappresentato. Una sola io ne dirò, forse da pochi … Continua a leggere

La breve stagione di Maria Malibran al Teatro Italiano (1828-1832)

Nel bicentenario della sua nascita il nome di Maria Malibran suscita nella cerchia dei melomani un rinnovato interesse, risultando in questo determinante l’attività di una primadonna del disco e insigne filologa (G. Landini dixit) che al repertorio della più avvenente … Continua a leggere

Il mito della primadonna: Desdemona di Rossini

Otello di Rossini è uno dei lavori del maestro pesarese di più lunga sopravvivenza, almeno sino agli anni ‘70 dell’Ottocento. Credo lo superino solo Semiramide e Tell, opera, però abnorme, si sa, nel catalogo rossiniano.Credo, anche debba, la propria sopravvivenza … Continua a leggere

Il mito della primadonna: Norma e Giuditta Pasta, una e …bina!

Giuditta Pasta una e bina si potrebbe con superficialità affermare pensando che la cantante fu interprete a distanza di nove mesi ( 6 marzo e successivo 26 dicembre) dei ruoli protagonistici di Sonnambula e di Norma.Oggi pochi soprani hanno affrontato … Continua a leggere